venerdì 11 ottobre 2013

Emigrazione

In questi giorni che seguono la tragedia di Lampedusa dove sono morti centinaia di disperati emigranti in cerca di un futuro ed una speranza nel Nord del mondo voglio dedicare una decina ai film che hanno parlato di questo fenomeno, molti dei quali tra l'altro sono di notevole spessore


1 - Lamerica, Italia, 1994, di Gianni Amelio.
Il pluripremiato film di Gianni Amelio è stato il primo e più efficace che ha raccontato l'ondata migratoria verso il Bel Paese che avvenne in massa dalla vicina Albania alla caduta del regime di Oxa, e che vide anche la presenza di tanti sciacalli che la sfruttarono per arricchirsi, proprio come avviene oggi con i disperati che arrivano dal Nord Africa.








2 - Terraferma, Italia/Francia, 2011, di Emanuele Crialese.
Il film di Crialese è a dir poco attuale infatti racconta proprio la storia dell'arrivo di immigrati clandestini su un'isola siciliana ed anche e soprattutto della difficile situazione economica e psicologica degli abitanti dell'isola di fronte a questo dramma umano.


3 - Nuovomondo; Italia, 2006, di Emanuele Crialese.
In quest'altro ottimo film, sempre diretto dal siciliano Crialese, si racconta il sogno e l'utopia degli emigranti italiani che all'inizio del Novecento si imbarcavano per l'America. Eravamo noi all'epoca i poveracci, ignoranti senza arte ne parte che cercavamo altrove una nuova vita. Splendide sia le sequenze oniriche che quelle dell'accoglienza a New York.




4 - Pane e cioccolata, Italia, 1974, di Franco Brusati.
La lotta di uno straordinario Nino Manfredi, cameriere ciociaro emigrato in Svizzera, contro ingiustizie, degrado ed umiliazioni a cui gli italiani vanno incontro nel loro percorso di difficile, quasi impossibile integrazione. Impressionante la sequenza da cui è tratta l'immagine qui a fianco, dove Nino va a vivere con un gruppo di immigrati in un pollaio.






5 - La promesse, Belgio/Francia/Lux/Tunisia, 1996, dei fratelli Dardenne.
Sfruttamento di immigrati clandestini nel civilissimo Belgio, i Dardenne riesco benissimo a trasmettere allo spettatore il senso dell'ingiustizia di una società dove le vite umane non valgono allo stesso modo. Poco conosciuto ma bellissimo.





6 - Rocco e i suoi fratelli, Italia/Francia, 1960, di Luchino Visconti.
Il capolavoro di Visconti racconta la storia di una famiglia emigrata dalla lucania a Milano, la loro diversa mentalità sarà di forte ostacolo all'integrazione in una grande città così diversa dalle loro origini.






7 - Cose di questo mondo (In This World), Regno Unito, 2002, di Michael Winterbottom.
Girato in stile documentaristico, il film racconta la storia di due fratelli afghani che fuggono da un campo profughi di Peshawar in Pakistan per arrivare dopo infinite peripezie a Londra. Una delle rare pellicole che raccontano con dovizia di particolari l'immigrazione di oggi dal terzo mondo all'Europa.




8 - Terra di mezzo, Italia, 1996, di Matteo Garrone.
Tre episodi di ordinaria storia di immigrazione: la giornata di alcune prostitute nigeriane a Roma, la vita di immigrati albanesi che si offrono a basso costo ed in nero per lavori di bassa lega ed infine la storia di un egiziano che di notte fa il benzinaio clandestino in un distributore self service. Garrone dimostra già all'esordio il suo notevole talento.



9 - Emigrantes, Italia, 1948, di Aldo Fabrizi. 
In questo curioso e dimenticato film di e con Aldo Fabrizi, si racconta la storia di una famiglia che emigra in Argentina, meta un tempo piuttosto ambita dai nostri connazionali, e di tutti i problemi che ne conseguono. La vita dell'emigrato non è mai facile.






 
10 - Quando sei nato non puoi più nasconderti, Italia, 2005, di Marco Tullio Giordana.
Tratto dal romanzo omonimo di Maria Pace Ottieri un film a tema molte interessante nelle intenzioni ma non felicissimo nel risultato finale. E' la storia di un bambino italiano che caduto dalla barca di famiglia viene raccolto da un barcone di emigranti clandestini.



















Nessun commento:

Posta un commento